POP Forum

POP Forum (http://forum.masternewmedia.it/)
-   Domande generali sul Diritto Informatico (http://forum.masternewmedia.it/domande-generali-sul-diritto-informatico/)
-   -   In Italia come gestire professionalmente un sito? (http://forum.masternewmedia.it/domande-generali-sul-diritto-informatico/181-italia-come-gestire-professionalmente-un-sito.html)

guidocimurro 12-18-2008 14:18

In Italia come gestire professionalmente un sito?
 
Sperando che la sezione scelta sia corretta, mi permetto di sottoporvi un dubbio legato alla volontà di gestire professionalmente siti d'informazione e servizi web:

qual'è il percorso burocratico da compiere (in Italia o altrove) per diventare editore indipendente? Ritengo che sia esauriente il materiale a disposizione sulla gestione fiscale di servizi come AdSense, ma per pubblicare contenuti e/o offrire servizi in qualità di start-up, che autorizzazioni/documenti/titoli vengono richiesti? Credo che esistano altre vie oltre diventare testata giornalistica, che se non sbaglio richiede la presenza di patentino.

Gestire un blog professionale, dal punto di vista burocratico, è come gestire un social network o un altro servizio Internet? Penso ai diversi siti web 2.0 come hosting gratuiti di immagini, siti che consentono di offrire un servizio come quelli recensiti da Robin Good, ...

Giulio Gaudiano 12-18-2008 15:14

Come Diventare un Editore Indipendente: Scelte Fiscali e Amministrative
 
Quote:

Originariamente inviata da guidocimurro (Messaggio 835)
qual'è il percorso burocratico da compiere (in Italia o altrove) per diventare editore indipendente?

Caro Guido,

se ho capito bene il fuoco della tua domanda, credo che le cose siano più semplici di quanto credi.

Tutto dipende da quello che vuoi fare, nel senso che "diventare editore indipendente" è un concetto un po' vago.

Di cosa si occuperà il tuo sito?
C'è differenza se parli di pesca alla carpa o di cronaca o politica. Nel secondo caso, essendo possibile che tu venga querelato (ad esempio) ti conviene assumere una personalità giuridica che ti tuteli.

Quanto assomiglierà il tuo sito a un "giornale online"?
Esiste un registro che si chiama ROC presso il quale i siti Web possono essere registrati, proprio come per i giornali. Se vuoi saperne di più leggi: Editoria Online: DDL Levi-Prodi Introduce Obbligo Iscrizione Al ROC Per Chi Pubblica Sul Web - Robin Good's Latest News

Come vuoi monetizzare i tuoi contenuti?
C'è una bella differenza tra un sito no-profit e uno che invece si propone di monetizzare i propri contenuti, sia sul piano fiscale che su quello amministrativo.

Quanto sarà grande il "business" legato al tuo sito?
Se punti a fare un sito che avrà bisogno di una grande redazione e prevedi di dover assumere persone che si dedichino totalmente al progetto, devi assumere una identità giuridica (tipo quella della SRL o SAS) che ti permetta di assumere dipendenti.

Spero di averti dato un'idea delle variabili in gioco.

Io ti posso dire che MasterNewMedia è un sito gestito da una società con sede in Italia che si chiama IKONOS s.a.s. La società ha una sede, dei dipendenti e dei collaboratori in tutto il pianeta. Questa è una scelta amministrativa di Robin Good, ma conosco altri editori online che hanno crearo SRL o lavorano con partita IVA personale.

A presto! :)

guidocimurro 12-19-2008 14:15

Quote:

Originariamente inviata da Giulio Gaudiano (Messaggio 837)
Caro Guido,


Di cosa si occuperà il tuo sito?

Quanto assomiglierà il tuo sito a un "giornale online"?

Come vuoi monetizzare i tuoi contenuti?

Quanto sarà grande il "business" legato al tuo sito?

Grazie per le preziose informazioni; in realtà a breve non vedo la possibilità di fare il grande salto, lasciando il mio lavoro attuale, perchè non ci sarebbe un ritorno economico sufficiente a mantenermi; tuttavia gli insperati risultati ottenuti con un blog, partito come un gioco, nel giro di un anno mi hanno fatto saltare la pulce all'orecchio.

Al momento questo blog si occupa di medicina e salute,ed il dubbio della somiglianza ad un giornale on-line nasceva proprio dal fatto che non ho capito se pubblicare contenuti on line, a scopo di lucro, significhi automaticamente essere testata giornalistica. Mi basterebbe non avere periodicità per non esserlo?

Al momento monetizzo esclusivamente con AdSense, ma volendo sopravvivere gestendo uno o più servizi/siti mi porterebbe ovviamente a cercare di diversificare gli introiti, tra pubblicità, iscrizioni a pagamento premium e, magari, pubblicazione di ebook.

Giulio Gaudiano 12-19-2008 15:15

Registrare Il Tuo Sito Come Testata Giornalistica
 
Quote:

Originariamente inviata da guidocimurro (Messaggio 847)
Al momento questo blog si occupa di medicina e salute,ed il dubbio della somiglianza ad un giornale on-line nasceva proprio dal fatto che non ho capito se pubblicare contenuti on line, a scopo di lucro, significhi automaticamente essere testata giornalistica. Mi basterebbe non avere periodicità per non esserlo?

Caro Guido,

visto che la tua domanda è molto interessante mi sono messo subito in moto per scrivere un articolo in proposito: ho chiamato il dott. Valentino Spataro e gli ho posto le tue domande. In sintesi, gli ho chiesto:

1) In che caso è necessario registrare un blog come testata giornalistica online?

2) Quali sono i vantaggi di registrare un blog come giornale online?

3) Come si fa, in pratica, a registrare un sito come giornale online?

Non ti voglio far aspettare neanche un secondo per ascoltare i consigli del dott. Spataro che, secondo me, ti potranno essere molto utili.

Ecco il link per ascoltare e scaricare la registrazione in mp3 della nostra telefonata: http://drop.io/itcrego/asset/valenti...-giornalistica

Fammi sapere che ne pensi,

A presto!

guidocimurro 12-25-2008 23:09

E' un intervento splendido! Grazie!

Stefaimg 12-28-2008 19:29

Grazie mille per l'intervento, mi ha chiarito molti dubbi!

Questo perchè spesso si trovano, in giro per il web, informazioni errate pubblicate da chi effettivamente non sa bene di cosa sta parlando :mad:!

Invece credo che proprio sugli aspetti legali sia necessario assolutamente non diffondere notizie sbagliate.

trumanews 01-06-2009 23:55

Anzitutto grazie per questa discussione molto interessante.

Credo però sia il caso di estenderla ad un altro aspetto fondamentale, di cui per altro si sta parlando anche qui.

E cioè: quali sono gli adempimenti cui un blogger deve (o dovrebbe) sottostare nel momento il cui decide di fare la raccolta pubblicitaria diretta, quindi senza passare ad esempio attraverso Google Adsense?

Mi spiego meglio: se contatto (o vengo a contattato da) qualcuno per fare la pubblicità sul mio sito come mi devo comportare dal punto di vista fiscale? E' sufficiente una fattura che indica il "servizio" reso (leggi: banner) nel caso in cui sia in possesso una partita iva? E di conseguenza il cliente sarà in regola per la sua dichiarazione dei redditi presso il commercialista (e la fattura potrà essere detraibile in quanto spesa per pubblicità)?

Spero di essere stato abbastanza chiaro e soprattutto di non aver creato un problema che non esiste...

Valentino Spataro 01-07-2009 13:22

Quote:

Originariamente inviata da trumanews (Messaggio 955)
Mi spiego meglio: se contatto (o vengo a contattato da) qualcuno per fare la pubblicità sul mio sito come mi devo comportare dal punto di vista fiscale? E' sufficiente una fattura che indica il "servizio" reso (leggi: banner) nel caso in cui sia in possesso una partita iva? E di conseguenza il cliente sarà in regola per la sua dichiarazione dei redditi presso il commercialista (e la fattura potrà essere detraibile in quanto spesa per pubblicità)?

Il mio limite e' che non sono un commercialista, :-) non ho tutte le risposte che cerchi. Speriamo in altri.

Pero' tu fai un contratto con una persona che ti sponsorizza a tempo o acquista uno spazio pubblicitario, a tempo, a click, a view...

Ogni tipo di contratto ha un suo regime fiscale.

Se sei una impresa (e non una associazione culturale ad esempio), come il tuo cliente puo' detrarre la spesa sostenuta con te e' una informazione utile ma non ti consiglio di inserirla contrattualmente. Se la veda lui se e quanto puo' detrarre. La tua obbligazione resti quella promozionale, non fargli da consulente fiscale. Anzi, chiedi a lui come fara' (o chiedi al tuocommercialista come puo' fare).

La detraibilità delle spese e' un tema da commercialisti e tributaristi. Utilissimo saperlo, ne convengo, ma volevo qui solo distinguere l'ambito della tua obbligazione da quella del cliente.

Tu devi fare la fattura dettagliando il servizio (o rinviando al contratto siglato). L'uso che fara' lui della fattura ... e' affari suoi :)

trumanews 01-07-2009 15:02

Lungi da me fare il consulente fiscale per i "clienti"... :)

Quello che importa è che la fattura emessa sia completamente in regola: insomma, che nessuno (magari cui calpesti i piedi facendo questo tipo di raccolta - e mi riferisco a giornali online, ma anche tv e quotidiani) possa fare le pulci e trovare qualcosa che non va.

Purtroppo poi i forum come questo sono molto più informati dei commercialisti, i quali se non conoscono il ramo, si perdono tra il roc e tutte le leggi e leggiuole che dal '48 interessano la stampa e l'editoria. Quindi non danno nessuna risposta concreta... :(

Solo una domanda riguardo appunto ai miei obblighi. Cosa intendi quando dici che "la tua obbligazione resti quella promozionale"?

Grazie!

Valentino Spataro 01-08-2009 12:55

modello di contratto di sponsorizzazione
 
Quote:

Originariamente inviata da trumanews (Messaggio 960)
Solo una domanda riguardo appunto ai miei obblighi. Cosa intendi quando dici che "la tua obbligazione resti quella promozionale"?
Grazie!

Fai un contratto semplice.

contratto di sponsorizzazione tra A e B
Premesso che A ha lo spazio in alto a destra di dimensioni ... per ... pixel
Che in questo spazio verra' messo il messaggio promozionale in formato testo, flash, gif o jpeg con link target _blank non piu' pesante complessivamente 15kb e fornito direttamente da B via email 5 giorni lavorativi prima dell'inizio della pubblicazione.
Che la diffusione inizierà il giorno ... e finirà il giorno ...
In caso di blackout di qualsiasi genera o colpa la durata dell'accordo si intende prorogata di durata pari al blackout senza ulteriori richieste di alcun genere da parte di entrambi.
Il messaggio, prima della pubblicazione, sara' concordato con A. Espressamente vietati farmaci, fumo, casino, pornografica etc etc ....
Il pagamento integrale, iva e oneri tutti compresi, avverrà dopo aver concordato il messaggio e prima dell'inizio della compagna. La fatturazione segue ll'avvenuto pagamento a buon fine.

Semplice. Chiaro. Diretto. Essenziale.

:-)

Spataro
IusOnDemand.com

trumanews 01-13-2009 09:36

Grazie Valentino Spataro, le tue risposte sono sempre molto utili.

Proseguendo però nella discussione riguardante gli adempimenti burocratici mi chiedo se per il blog dove pubblico video, come fosse web-tv, c'è qualche obbligo che devo rispettare nei confronti della SIAE o altri tipi di nulla osta.

Ho sentito parlare di un forfettario mensile da versare, ma non mi è chiaro quali siano i termini. Dopodichè guardando la normativa non esiste qualcosa di definito che non rimandi al sistema radiotelevisivo...

uebmen 01-20-2009 19:30

Ciao Valentino,
ho trovato molto interessante l'articolo che hai pubblicato oggi
Blog Come Testata Giornalistica: Registrare Il Tuo Blog E' Necessario? - Robin Good's Latest News
sul tema qui trattato, e avrei da porti due domande, se puoi rispondermi, comunque chiunque abbia qualcosa da dire è ben gradito.

Scrivi che dopo la registrazione al tribunale e l'iscrizione al ROC
Quote:

ogni anno dovrai fare un piccolo bilancio della tua attività di editore in cui dichiari quanto guadagni da pubblicità, vendite, etc. e potrai avere un'esenzione su quei guadagni e pagare solo un 2% di tasse.
quindi molto più conveniente rispetto a qualsiasi aliquota IRPEF marginale,
ma perché allora tanti blog o siti periodici di informazione non sono registrati?
Non per obbligo, ma per convenienza, nemmeno in Masternewmedia trovo la dicitura "testata giornalistica registrata presso il tribunale .."

Perché conviene iscriversi alla camera di commercio come artigiano, e non come commerciante?

Grazie


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 11:54.


Copyright IKONOS sas 2008-{2}


Content Relevant URLs by vBSEO 3.2.0