Creare e Gestire un Sito Multilingua - POP Forum



Rispondi
Creare e Gestire un Sito Multilingua
  #30 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 12:25
Rispondi quotando
L'avatar di Paolo Guidonia Paolo Guidonia non è in linea
Paolo Guidonia
Senior Member
Registrato dal: Mar 2009
ubicazione: Guidonia Montecelio
Messaggi: 753
Invia un messaggio tremite Skype a Paolo Guidonia
Originariamente inviata da Andrew Smith Visualizza il messaggio
Pensavo, come ho scritto prima, se l'idea è quella di diffondere principalmente il dominio base, non potrebbe essere una valida idea quella delle sottocartelle, nel senso che ci sarebbero più pagine indicizzate del sito?
In fondo, se scrivi in inglese, la lingua più utilizzata e letta (leggevo che oltre il 30% delle pagine su internet è in inglese), è in quel modo che vuoi "uscire fuori" a livello SEO.
Potrebbe essere utile anche questa soluzione?
Si questo è vero.
Da sempre LUI premia direttamente e indirettamente siti con tante pagine.
La cartella per ogni lingua è anche una buona soluzione in questo senso.

Il discorso delle directory fa riferimento anche agli aggregatori e directory di rss che potrebbero non accettare dei feed di siti organizzati in questo modo.
__________________
Vivo a Guidonia e suono il pianoforte. Mi piace molto la musica italiana e seguire la musica a Roma. Anche il giornalismo è una mia passione.
  #29 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 12:21
Rispondi quotando
L'avatar di feelbeen feelbeen non è in linea
feelbeen
Junior Member
Registrato dal: Oct 2008
Messaggi: 18
Originariamente inviata da Paolo Guidonia Visualizza il messaggio
Per concludere, la migliore soluzione per un blog multilingua quailtà/prezzo e utilità è senza dubbio il sottodominio per ogni lingua, mentre il dominio a se stante è meglio ma dispendiosa.

Il fatto che master new media abbia optato per la direcory (mi sembra) non significa che quella sia la soluzione migliore.
Pensavo, come ho scritto prima, se l'idea è quella di diffondere principalmente il dominio base, non potrebbe essere una valida idea quella delle sottocartelle, nel senso che ci sarebbero più pagine indicizzate del sito?
In fondo, se scrivi in inglese, la lingua più utilizzata e letta (leggevo che oltre il 30% delle pagine su internet è in inglese), è in quel modo che vuoi "uscire fuori" a livello SEO.
Potrebbe essere utile anche questa soluzione?
  #28 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 10:49
Rispondi quotando
L'avatar di Paolo Guidonia Paolo Guidonia non è in linea
Paolo Guidonia
Senior Member
Registrato dal: Mar 2009
ubicazione: Guidonia Montecelio
Messaggi: 753
Invia un messaggio tremite Skype a Paolo Guidonia
Però, Andrew, perché non ci indichi direttamente con un link quello che stai facendo o vuoi fare?
Altrimenti mi sembra di stare a giocare a poker...


Cerchiamo di parlare di cose concrete e determinate per cercare di capire le soluzioni migliori e migliorare, altrimenti rimangono discorsi teorici seppur importanti e utili
__________________
Vivo a Guidonia e suono il pianoforte. Mi piace molto la musica italiana e seguire la musica a Roma. Anche il giornalismo è una mia passione.
  #27 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 10:46
Rispondi quotando
L'avatar di Paolo Guidonia Paolo Guidonia non è in linea
Paolo Guidonia
Senior Member
Registrato dal: Mar 2009
ubicazione: Guidonia Montecelio
Messaggi: 753
Invia un messaggio tremite Skype a Paolo Guidonia
Ok, chiedo scusa per la presunzione relativa alle traduzioni automatiche che, tra l'altro è una cosa che prima o poi voglio testare e che porprio qui abbiamo già affrontato l'estate scorsa.

Per concludere, la migliore soluzione per un blog multilingua quailtà/prezzo e utilità è senza dubbio il sottodominio per ogni lingua, mentre il dominio a se stante è meglio ma dispendiosa.

Il fatto che master new media abbia optato per la direcory (mi sembra) non significa che quella sia la soluzione migliore.

Poi, basta guardare un attimo i grandi.

Google usa domini a sé stanti
ask usa sottodomini
yahho sottodomini
youtube e bing una semplice url (mi sembra)
ebay domini a sé stanti

Ovviamente sono siti di un certo tipo, ma sempre siti.
__________________
Vivo a Guidonia e suono il pianoforte. Mi piace molto la musica italiana e seguire la musica a Roma. Anche il giornalismo è una mia passione.
  #26 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 10:26
Rispondi quotando
L'avatar di feelbeen feelbeen non è in linea
feelbeen
Junior Member
Registrato dal: Oct 2008
Messaggi: 18
Originariamente inviata da Paolo Guidonia Visualizza il messaggio
Ok, stiamo andando dove avevo immaginato dall'inizio.
Si evince dal tuo debutto che stai parlando di un blogger che scrive su wordpress e vuole fare più visite traducendo automaticamente in 100 altre lingue.
Qui devo contraddirti e penso tu stia peccando un po' di presunzione nell'immaginazione (bonariamente si intende).
Non ho mai parlato di traduzioni automatiche. Se l'ho lasciato intendere in qualche modo (dimmi dove), sono disposto a correggermi. Non l'ho neanche previsto tra le soluzioni vagliate ad inizio.
Aggiungo e specifico che i plugin (intesi sempre nelle soluzioni vagliate) servono solo per la gestione, non per la realizzazione vera e propria, traduzione dei contenuti (al massimo esiste la possibilità di pagare, caramente anche, dei traduttori professionali di volta in volta).

Originariamente inviata da Paolo Guidonia Visualizza il messaggio
Hai affermato che stare in directory non sia importante?
Ti sbagli. anche se non indispensabile, ma ripeto in questo modo si finisce sempre nel distinguere tra ideale e pratico.
L'ideale è che ci sia nelle directory.
Ma no. Non l'ho mai affermato! Anzi, domandavo... ;-)
Originariamente inviata da Andrew
Non credo sia un problema così rilevante o comunque non facilmente sopportabile.
Originariamente inviata da Andrew
Dici davvero? Non essere presente in una directory? Mmh...
Ho solo chiesto se fosse un problema insormontabile a favore dell'usabilità. Che è ideale penso sia chiaro. E' una cosa in più.
Che poi nella possibile idea che ho segnalato è fattibile la cosa di starci nelle directory.


Originariamente inviata da Paolo Guidonia Visualizza il messaggio
La parola compromesso è un qualcosa che condivido appieno ma ricorda che a volte per evitare il lavoro per fare cose fatte bene, in realtà, si lavora anche di più per cercare di rattoppare alcuni compromessi.
La parola compromesso non era da intendersi come utilizzo di automatismi per risparmiarsi il lavoro.
Partiamo sempre dal presupposto che un dettaglio dei più importanti per andare avanti sia creare ottimi contenuti, e non si creano ottimi contenuti con traduzioni automatiche (ancora no).
La parola compromesso era da intendersi come rinunciare a delle caratteristiche della maniera migliore possibile per la SEO del sito (quella da te proposta) in favore di usabilità e facilità di gestione. Avendo in ogni caso degli ottimi risultati.

Penso che la discussione abbia una direzione ben precisa dall'inizio, che non punta verso la soluzione da trovare per il mio sito ma verso la migliore soluzione per creare un blog multilingua, se questo è possibile, a meno che bisogna crearne necessariamente uno per lingua/dominio.

La domanda è stata postata su questo forum non a caso: MNM potrebbe portare il suo esempio di realizzazione, o no Robin?

Originariamente inviata da Paolo Guidonia Visualizza il messaggio
Altra cosa che vorrei aggiungere : ottima discussione, al di là del sito multilingua.
Non so a che ti riferisci. Ma il merito penso sia il tuo.
  #25 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 09:24
Rispondi quotando
L'avatar di Paolo Guidonia Paolo Guidonia non è in linea
Paolo Guidonia
Senior Member
Registrato dal: Mar 2009
ubicazione: Guidonia Montecelio
Messaggi: 753
Invia un messaggio tremite Skype a Paolo Guidonia
Ok, stiamo andando dove avevo immaginato dall'inizio.
Si evince dal tuo debutto che stai parlando di un blogger che scrive su wordpress e vuole fare più visite traducendo automaticamente in 100 altre lingue.
Quello che tu pensi e progetti 1000 altri nella blogosfera hanno già pensato e alcuni fatto.

Detto questo allora si comincia a dare un senso più chiaro alla discussione, una direzione ben precisa.

Fuori contesto perché anche se parli di carciofi in inglese e poi parli degli stessi carciofi in italiano, per google sono argomenti diversi e i link tra loto sono da pagine totalmente non tematiche, fuorit contesto (prhase rank) e fuori lingua, per non parlare in alcuni casi di fuori encoding (charset) e collation.

Dicevamo dall'inizio "dipende da cosa vuoi ottenere" e anche "come lo vuoi ottenere".
Minimo sforzo -massimo risultato oppure cura dei particolari e dettagli.

Se uno con un clic vuole tradurre all'interno delle steso blog e dominio 1000 pagine in altre 100 lingue generando 100.000 pagine nuove in automatico e magari avere qualche visita in più, può tranquillamente farlo. Impiega dieci minuti per istallare il plugin e qualche decimo di secondo per il clic.

Ma, come dice Giovanni, le traduzioni automatiche generano il caos, per quanto stiano migliorando.

Si parla di web semantico come prossimo salto del web, una evoluzione naturale ma che ritengo veramente dura.
Capire il senso delle parole con triangolazioni o reti neurali, insiemi che incrociati descrivono la parola nel suo contesto.

Sono scelte, per ora che uno può fare, quella sopra indicata, ma io di dare in pasto a visitatori pagine insensate, per avere delle visite in più (ma disperdendo, comunque, la spinta su pagine fatte bene!) non me la sento.

Hai affermato che stare in directory non sia importante?
Ti sbagli. anche se non indispensabile, ma ripeto in questo modo si finisce sempre nel distinguere tra ideale e pratico.
L'ideale è che ci sia nelle directory.

La parola compromesso è un qualcosa che condivido appieno ma ricorda che a volte per evitare il lavoro per fare cose fatte bene, in realtà, si lavora anche di più per cercare di rattoppare alcuni compromessi.
__________________
Vivo a Guidonia e suono il pianoforte. Mi piace molto la musica italiana e seguire la musica a Roma. Anche il giornalismo è una mia passione.
  #24 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 00:49
Rispondi quotando
L'avatar di feelbeen feelbeen non è in linea
feelbeen
Junior Member
Registrato dal: Oct 2008
Messaggi: 18
Originariamente inviata da Giovanni Panasiti Visualizza il messaggio
Guarda ti direi di fare una prova, fai il tuo sito in inglese, portalo avanti al meglio per qualche mese e poi vedi se è il caso di affrontare il discorso del multilingua o meno
;-)
Come ho scritto all'inizio del thread:
Originariamente inviata da Andrew Visualizza il messaggio
Qualche tempo fa ho deciso di studiare la migliore soluzione per creare un blog multilingua, ovvero fruibile in più di una lingua soltanto.
Ho sempre pensato che il miglior modo per capire è sperimentare. E sto sperimentando. Da molto.
Per dirtela tutta Giovanni, la domanda per curiosità l'avevo fatta a Robin molto tempo fa. Se la sarà persa. :-P
Un mese fa poi ho cercato di nuovo diversi pareri, ho chiesto molto in giro, ho parlato con gli autori di alcuni plugin, con alcuni blogger e ho posto nuovamente la mia curiosità a Robin perché lui sicuramente avrà scelto qualcosa di buono, ho pensato.
Sul forum mi ero solo presentato ma non avevo mai partecipato realmente.
Quale migliore occasione.
Sono andato avanti per alimentare la discussione (oggi ero a casa e ne ho approfittato, non so quando mi ricapita di stare sul forum così) ... e sentire altri pareri naturalmente.

Ultima modifica di feelbeen : 11-19-2009 a 00:52. Motivo: aggiunta
  #23 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 00:28
Rispondi quotando
L'avatar di Giovanni Panasiti Giovanni Panasiti non è in linea
Giovanni Panasiti
POP Member
Registrato dal: Sep 2008
ubicazione: Roma
Messaggi: 215
Invia un messaggio tremite Skype a Giovanni Panasiti
Guarda ti direi di fare una prova, fai il tuo sito in inglese, portalo avanti al meglio per qualche mese e poi vedi se è il caso di affrontare il discorso del multilingua o meno, devi anche vedere se il gioco vale la candela,

considera che affrontare un sito multilingua in modo professionale è molto più difficile di quello che sembra, la traduzione deve essere perfetta, deve avere senso, e l'ideale sarebbe che uscisse a non troppa distanza dalla versione in inglese, questo vuol dire un grande consumo di tempo e di risorse.


Non voglio certo scoraggiarti con le mie parole ma assicurati di non fare il passo più lungo della gamba :-)

Giovanni
__________________
Giovanni Panasiti



E-mail: giovanni.panasiti@masternewmedia.org

Ultima modifica di Giovanni Panasiti : 11-19-2009 a 00:35.
  #22 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 00:26
Rispondi quotando
L'avatar di feelbeen feelbeen non è in linea
feelbeen
Junior Member
Registrato dal: Oct 2008
Messaggi: 18
Originariamente inviata da Paolo Guidonia Visualizza il messaggio
Dipende ed in alcuni casi potrebbe essere un problema serio.
Dici davvero? Non essere presente in una directory? Mmh...


Originariamente inviata da Paolo Guidonia Visualizza il messaggio
Sprechi parecchi anchor text usando testi non in lingua e inseriti fuori contesto.
Non in lingua ok, ma perché fuori contesto?

Originariamente inviata da Paolo Guidonia Visualizza il messaggio
Cosa importante:
quando google valuta un sito lo valuta con l'occhio di un visitatore.
pertanto cosa se ne fa un francese di leggere lo stesso articolo in tedesco o arabo?
Pertanto link all'interno di una pagina in francese che linkano la stessa pagina in tedesco mi pare proprio una eresia.
E google ragiona o prova a ragionare quanto più possibile come un umano.
L'idea non è questa infatti. Teoricamente sono il francese o il tedesco o l'arabo che, capitati sul sito inglese, quello importante, "di base", che ha più visibilità, hanno modo di leggere il contenuto trovato nella propria lingua (qualora il sito base fosse in inglese).

Pensiamo ad un blogger che vuole scrivere in inglese (per avere più visibilità possibile, monetizzare eventualmente il più possibile etc...) e rendere fruibili i contenuti anche in un'altra lingua, magari la propria (od una seconda a scelta), come opzione: la soluzione di scissione completa potrebbe risultare scomoda e pesante, addirittura eccessiva.

Bada bene, non penso tu scriva cose inesatte Paolo, potresti ma non so, non ho mai sperimentato in merito...

Sulla soluzione migliore SEO dovremmo esserci: facendo valere quanto più possibile i contenuti di una determinata lingua, valorizzandoli singolarmente, si otterrebbero i migliori risultati.
Quindi la gestione di due domini separati è da tenere molto in considerazione.

C'è da aggiungere però che gestire due domini separati sarebbe come gestire due progetti separati, due siti diversi, da indicizzare per bene e curare con fatica probabilmente doppia.
Gli eventuali link di collegamento, poi, potrebbero essere gestiti manualmente, anche se a questo punto forse ne perderebbero l'utilità come tu dici.

Quindi? C'è da considerare altro? Per chi non ha modo di organizzare un doppio (o addirittura triplo, quadruplo) progetto, si può trovare una soluzione maggiormente flessibile? Possiamo bilanciare discorso ottiminazione con discorso usabilità? O è da escludere a priori?

Può esistere quindi il concetto di sito multilingua o è da bocciare a favore dei siti tutti mono-lingua?
  #21 (permalink)  
Vecchio 11-18-2009, 23:17
Rispondi quotando
L'avatar di Paolo Guidonia Paolo Guidonia non è in linea
Paolo Guidonia
Senior Member
Registrato dal: Mar 2009
ubicazione: Guidonia Montecelio
Messaggi: 753
Invia un messaggio tremite Skype a Paolo Guidonia
Altra cosa che vorrei aggiungere : ottima discussione, al di là del sito multilingua.
__________________
Vivo a Guidonia e suono il pianoforte. Mi piace molto la musica italiana e seguire la musica a Roma. Anche il giornalismo è una mia passione.
Rispondi


Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilies sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo



Web Analytics

Content Relevant URLs by vBSEO 3.2.0