Sono Roger - Pagina 2 - POP Forum



Visualizza i risultati del sondaggio: Il progetto aiblog.it ha possibilità di successo di pubblico e mercato?
Forse ma richiede minimo due o tre persone 0 0%
E' una nicchia già occupata che darà risultati relativi 0 0%
E' una nicchia giusta che darà sicuramente risultati 1 100.00%
No, è troppo complesso 0 0%
Chi ha votato: 1. Non puoi votare questo sondaggio

Rispondi
Sono Roger
  #2 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 21:33
Rispondi quotando
L'avatar di Paolo Guidonia Paolo Guidonia non è in linea
Paolo Guidonia
Senior Member
Registrato dal: Mar 2009
ubicazione: Guidonia Montecelio
Messaggi: 753
Invia un messaggio tremite Skype a Paolo Guidonia
Ho letto ma non ho capito bene la domanda o l'argomento.
Vuoi avere dei giudizi sul tuo business, suggerimenti, opinioni, strategie?
__________________
Vivo a Guidonia e suono il pianoforte. Mi piace molto la musica italiana e seguire la musica a Roma. Anche il giornalismo è una mia passione.
  #1 (permalink)  
Vecchio 11-19-2009, 19:23
Rispondi quotando
Roger non è in linea
Roger
Junior Member
Registrato dal: Nov 2009
ubicazione: Vicenza
Messaggi: 8

Sono Roger

Mi chiamo Roger e lavoro da sempre nel settore grafico. Dopo il Liceo Artistico e l' Accademia di Belle Arti ho dovuto farmi ovviamente un corso di aggiornamento del Fondo Sociale Europeo per imparare ad usare il computer a costo zero.
Dopo pochi anni mi sono trovato dal' altra parte della scrivania in veste di docente per lo stesso tipi di corso.
Prima, durante e dopo ho lavorato nel web, nella grafica pubblicitaria, nel' illustrazione e nella moda come freelance.
Non so cosa significhino le espressioni "busta paga", "stipendio fisso" o "contratto di lavoro" (il massimo che ho visto è il famigerato Co.Co.Co. ma si parla del fu 2001-2003).

Ho deciso di tornare a fare formazione dopo aver sentito gli sfoghi di assistenti pagate dai 300 euro agli 800 massimo, per fare orari medi di 10 ore quotidiane (sabati e domeniche -quasi tutti - compresi) prendendosi dell' incapace, del brocco e urla in faccia oltre che gli sfotto dietro le spalle.
Ho visto lacrime scendere, famiglie in lite e coppie traballare tutto perché quelle poche centinaia di euro erano spacciate e fatte crede alle povere malcapitate come la giusta gavetta. E queste per mesi ci credevano, illuse da una carriera che non era neanche intenzione della stlista riservare loro.
E si tratta di una stilista con SUV, case e soldi ovunque.

Mi sono posto un freno ed ho preferito andare a fare tutt' altro mettendo così in stand-by il mio lavoro.
I prezzi erano calati alla soglia del ridicolo.
Quindi ho pensato "se ho sbagliato scelte nella vita è colpa mia, ma se devo regalare le mie competenze lo farò a quelle persone bistrattate e ricattate perché non sanno mai abbastanza del lavoro".

Ho aperto aiblog.it ed ho pubblicato una trentina di tutorial del software che più mi appassiona.
Ricevo visite al sito, migliaia di click su You Tube e tanti complimenti ma vorrei renderlo molto più vasto, potente, visitato e presente nel web.

Vorrei una vera e propria piattaforma che sia dinamica, potente e che offra la possibilità di coinvogliare informazioni su come si sopravvive agi sfruttatori e come si giunge preparati nel mondo del lavoro.

Quando chiedo consigli in rete Rodney, un ragazzo toscano, mi chiede di collaborare e mi propone un progetto del tipo che vorrei ma che non so focalizzare (perché non è il mio mestiere) in grado di supportare un aiblog.it totalmente rifatto e che vada a colmare tutte le lacune sul piano della comunicazione e della relazione che ho con il pubblico.
Rodney se ne intende di SEO e web marketing. E' il suo mestiere.
Allora che fa? Mi descrive in modo articolato un progetto di network di siti che sappiano spingere aiblog.it dal basso.
Notiamo insieme che è stata individuata una nicchia che ci appassiona, in cui siamo ferrati e che presenta un pubblico affamato ed entusiasta.
In italiano l' argomento che tratto è pressoché sguarnito.
Inoltre non si trovano tutorial come si deve.
Anche l' ambito del' e-learning trovo che avrà futuro perché sarà una risorsa imprescindibile per gli studenti che a scuola non imparano nulla.

Mi voglio porre come alternativa a quelle aziende che vendono corsi a 25 - 70 euro l' ora per lezioni tenute da "guru" che insegnano a memorizzare quattro comandi e basano le lezioni su casi di lavoro che non hanno alcuna applicabilità reale al lavoro.
Vorrei creare una sorta di club di appassionati come me ed in questo club far confluire gli studenti ed i novizi in un' area che sia protetta e magari farli incontrare con la realtà fatta dai professionisti.

Poi incoccio in Robin Good e vedo che queste cose le pensa anche lui.
Gli scrivo e lui mi tira qui dentro.
Ed io mi chiedo: " e adesso cosa succederà?"
Rispondi


Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilies sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo



Web Analytics

Content Relevant URLs by vBSEO 3.2.0